Dispositivi anti-abbandono: la mia esperienza con Tippy


Il 7 novembre 2019, quando entrò in vigore la norma per l’obbligo
dei dispositivi anti-abbandono, è esploso il caos. Uscita
dall’ufficio mi sono subito catapultata in un negozio per acquistarne uno,
terrorizzata dall’idea di prendere una salatissima multa
(da 83 a 333 euro oltre alla decurtazione di 5 punti patente!).

Scorte finite e prodotti in arrivo per chissà quale
data del prossimo ventennio. Fortunatamente le multe sono state poi sospese
fino al 6 marzo 2020 e io ho avuto tempo di guardarmi intorno, confrontare
prodotti, chiedere informazioni e cercare di capire qualcosa sul funzionamento di
questi oggetti misteriosi per orientarmi nella scelta del miglior
dispositivo (o perlomeno il migliore per le mie esigenze).

Ciò che mi è apparso subito fondamentale era che dovesse
essere adattabile a qualunque modello di
seggiolino. Quello che abbiamo comprato per mio figlio è di una marca semi
sconosciuta e quindi era importante che il dispositivo si adattasse facilmente
e fosse possibile e semplice l’installazione. E poi le certificazioni…
deve essere conforme ai requisiti del decreto attuativo e deve rispettare
davvero i dettami della normativa, altrimenti non saremmo stati al sicuro dalla
multa!

Tippy: il
dispositivo universale e certificato

Queste caratteristiche si condensano perfettamente in Tippy, il cuscinetto Bluetooth che
si applica alla seduta del seggiolino e che rileva la presenza del bambino.
Si scarica l’applicazione da Google Play o App store e si associa il
cuscinetto: le segnalazioni arrivano poi direttamente sullo smartphone. Facile facile!

Anche l’installazione è veramente semplicissima ed è
un modello universale. Bene, così non si cambia il seggiolino.

dispositivi-anti-abbandono-la-mia-esperienza-con-tippy

Ovviamente prima di decidere quale modello di dispositivo
scegliere ho avuto mille dubbi e paranoie, amplificate ulteriormente da
ciò che leggevo in rete.

Vediamo dunque di fare chiarezza, perché le mie
domande saranno anche le vostre immagino!

Anti-abbandono
anche senza smartphone!

E se il telefono si scarica o è spento? La risposta è Tippy-fi. Si tratta di un accessorio da abbinare al pad che si attacca alle chiavi dell’auto ed emette segnali d’allarme visivi e sonori se ti allontani dall’auto e il bambino è ancora seduto sul seggiolino. Il tutto senza dover utilizzare applicazioni o smartphone. Perfetto anche per chi non è esattamente smart (es. i nonni).

Altro aspetto che è stato sollevato da molti in quei giorni è
la questione delle onde elettromagnetiche. Il bambino è seduto
esattamente sopra il dispositivo collegato in BT, non potrebbe essere dannosa a
lungo andare la frequenza delle onde inviate?

Tippy ha la certificazione
SAR (Specific Absorption Rate):
si tratta di un test che misura la percentuale di energia elettromagnetica
assorbita dal corpo umano quando questo si trova nei pressi di un dato campo
magnetico a radiofrequenza. Risultato: “Le emissioni di Tippy Pad sono
ampiamente inferiori al limite di legge di 2W/KG”.

Tippy inoltre ha superato i test chimico-fisici effettuati presso l’Istituto del Giocattolo (che confermano che tutti i suoi materiali sono adatti alla fascia 0-36 mesi), è conforme al Decreto in merito alle caratteristiche funzionali e ha superato anche il Crash test su diversi seggiolini del Gruppo 0-1-2. L’altra notizia che circola infatti è che alcuni dispositivi, particolarmente ingombranti, modifichino la struttura del seggiolino e lo rendano meno sicuro. Non è quindi il caso di Tippy. Tutte le certificazioni e le relative documentazioni sono disponibili sul sito ufficiale.

Anti-abbandono
quanto mi costi?

Ok, per ultimo parliamo di costi. Lo trovate online e nei negozi dal 2017 al prezzo di € 59,90 (prezzo ufficiale consigliato dall’azienda). Considerando che potrete chiedere un rimborso per bambino di 30€, si tratta di una spesa più che accessibile.

Sempre a proposito di costi, vi segnalo anche che, a
differenza di altri dispositivi, Tippy non applica alcun costo per l’invio
degli SMS ai numeri di emergenza con la posizione dell’allarme. Non
consuma credito telefonico per intenderci: tenetela presente questa cosa
perché non accomuna tutti i prodotti anti-abbandono.

Post in collaborazione con Tippy Pad